PROJECTS

Innovate

Il progetto MED3D mette in scena la fase di prototipazione rapida di mockup e la piattaforma di simulazione per interventi chirurgici e di interfaccia con utenti, aziende e istituzioni coinvolte. L’Università degli Studi di Milano-Bicocca, il gruppo di fisica e scienza dei materiali, invece studierà, testerà e convaliderà i nuovi materiali utilizzati per la stampa 3D e svilupperà tecniche di deposizione e nanostrutture utili per il settore protesico. MED3D intende rafforzare la fiducia del settore sanitario in queste nuove tecniche per accelerare la ricerca, lo sviluppo e l’adozione di queste tecnologie al fine di fornire una migliore assistenza ai bisogni del paziente. Il mondo medico ospedaliero ha provato interesse per il progetto MED3D, che potrebbe fornire strumenti interessanti per la simulazione chirurgica e lo studio di terapie personalizzate per la terapia del cancro. Lo scopo del progetto è quello di creare una massa critica in tutto il mondo della stampa 3D per il settore medico, in modo che questo progetto possa essere promosso e sviluppato anche all’estero. L’obiettivo finale del progetto MED3D sarà quello di creare una piattaforma IT che possa essere utilizzata da ospedali, centri di ricerca e aziende farmaceutiche.
La piattaforma sarà composta da:
1- un modello di virtualizzazione degli organi (inizialmente specifici del settore cardiovascolare);
2- un algoritmo di studio del modello per derivare immagini stampabili 3D con stampanti sinterizzate;
3- un modello di analisi matematica e statistica utile per la creazione di approcci terapeutici personalizzati al paziente.

VISITA IL SITO


Il Progetto CASASLA si inserisce nelle attività di MTM sulla ricerca per la Sclerosi laterale Amiotrofica, in un’ottica non di “cura” della malattia ma di supporto ad una problematica psico-sociale oggi in crescita.
Nel corso degli studi il gruppo di lavoro si è anche interfacciato più volte con famiglie che hanno al loro interno un malato di SLA e SMA, che spesso non sono preparate all’enorme impatto psicologico, e sulle attività della vita quotidiana dei componenti della famiglia che il processo patologico di decadimento fisiologico va ad inserire.
Questo genere di malattia destabilizzante coinvolge infatti sin dall’esordio il paziente e la famiglia nella gestione, nell’assistenza e nelle attività decisionali e terapeutiche.

MTM con CASASLA si è resa conto che sono necessari alcuni strumenti utili a:
– Far conoscere meglio alle famiglie i progressi della scienza e della tecnologia in ambito SLA e SMAM;
– Sviluppare un network di professionisti (medici, psicologi, counselor, professionisti della comunicazione scientifica e medica) che dialoghino tra di loro per realizzare un piano di intervento terapeutico più efficace;
– Realizzare momenti di dialogo e confronto tra gli stakeholders (famiglie, malati, operatori sanitari, aziende Pharma);
– Realizzare un piano di comunicazione, informazione e formazione per rendere più facile la vita quotidiana del malato e dei familiari.

VISITA IL SITO